Le mie parole

Alcune miei pensieri poetici

… dolce brezza a carezzare la tua anima
o vento impetuoso a scuoterla nel profondo

NON CREDERE

Non credere di remare controcorrente
non credere all’illusione della solitudine
stiamo tutti, proprio tutti, remando
con indivisa unica fatica
verso il sogno distratto, o solo smemorato,
di nostra agognata divinità.

Forse ciò che non capisci
è solo una via più disperata,
smarrita, confusa,
ma credi
anch’essa cela, in ogni istante,
i vertiginosi abissi del risveglio
all’Umanità

ATTIMO

Funambola del tempo
m’inerpico tenace
ad afferrar me stessa
sul filo d’eterno
per me intrecciato
di fugacità.

Equilibrista impavida
ascio il noto all’abisso
a scalare il nulla
sul palpito d’ala
di mia sfuggente
volontà

Nel baluginio dell’ora
mi sfiora il respiro
d’infinita realtà:
voce tonante,
per me
sussurro d’eternità.

FIGLIO DI DIO

Figlio di Dio
semina saggezza
nel tuo cuore
e d’incanto sboccerà
il fiore dell’amore

SPIRAGLIO

Ogni attimo afferrato
è uno spiraglio
inondato d’eternità

NUOVO SGUARDO

Non contemplare la purezza
del cristallo che ti sei conquistato
ma abbi il coraggio di calpestarlo
per innalzare il tuo nuovo sguardo

LA DANZA DELL‘UNITA’

Poche note sorprese
un sorriso sfrangiato del cielo
e quell’aria ridente che sussurra di primule e viole
e nella carezza d’un silenzio
ti sfiora di sùbita certezza
l’infinito abbraccio
a sostenere lieve
la molteplice danza
dell’unità

TEMPO

Il passato
è già scordato;

il futuro
è un sogno oscuro;

qui ed ora
Dio si onora.

LAGGIU’

Ti tendo la mano
silenziosa
a vincere i rumori distratti
e fiduciosa ti esorto
a incontrare il mio vero sguardo
oltre la soglia del tempo

laggiù

in quel punto lontano
dove le nostre anime ignare
già danzano insieme
a piena voce
il canto dell’umanità.

PERDONARE LE ILLUSIONI

I tuoi pensieri
tramano
l’apparenza di luci e di ombre

perdona il tempo
dipana l’inganno

e sotto il tuo tessere
s’illuminerà
l’eterno ricamo
dei fili divini.

SORRIDI AL CREATO

Sorridi al Cielo: al sole, alle stelle
che taciti a noi donan la vita
in luce, calore e forza infinita
e rendon notti e giornate più belle.

Sorridi alla Terra: alle acque ed ai monti
che tutti ci nutron con frutti copiosi
ed offrono all’uomo, assai generosi,
sostegno al piede e preziose fonti.

Sorridi grato a tutto il Creato
sian sassi, piante, animali o persone
dato che tutti il sommo Signore
dal suo amore divino ha plasmato.

FRATELLO UCCELLINO

Tenero figlio dell’aria
su soffici piume d’argento
offri la tua danza gaia
alle nubi, al sole e al vento.

Il tuo piccolo cuore alato
canta lodi per tutto il creato
che in fresche e gioiose armonie
dicon grazie in vere poesie.

Nel tuo fragile esser di nulla
ritroviam la bontà infinita
che a te nel nido, all’uom nella culla
a noi tutti ha donato la vita.

Se vuoi saperne di più inviaci un messaggio